Bravo Tuning Club su Facebook

Olio dell'auto, lo sapevi che... -->

Forum per discussioni generiche sulla meccanica: motore, filtro, scarico etc

Moderatore: Staff

Re: Olio dell'auto, lo sapevi che...

Messaggioda army64 » 12 ago 2016 08:56

Provalo, che poi ti seguo :gren: :gren: :gren:
Immagine

La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le osserva

Lavori: dischi posteriori, tunnel Marea, alzacristalli automatici, scarico Supersprint, 200 celle Brain, tettuccio apribile, specchietti ribaltabili elettricamente
Avatar utente
army64
Bravista Esperto
Bravista Esperto

Numero Socio: 210
 
Messaggi: 2651
Iscritto il: 25 gen 2011 10:47
Località: Roma/Scanno (AQ)
Fiat: Bravo
Modello: 1.6 16v SX
Punti reputazione: 408
Super BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Re: Olio dell'auto, lo sapevi che...

Messaggioda Flagello » 08 set 2016 14:57

LA LUBRIFICAZIONE NELLE FILETTATURE E IL SERRAGGIO.

Questa nuova parentesi della lubrificazione, la creo ora perchè mi sono accorto che mancava, e c'è parecchia confusione a riguardo.

Lo scopo di una filettatura è quello di apporre pressione tra un oggetto e un'altro usando come tramite la faccia di appoggio del dado (o del bullone).

La faccia del dado deve sviluppare un precarico per poter fissare saldamente tra loro gli elementi, variabile a seconda di dimensione filettatura, materiale dei componenti del serraggio e materiali che andranno a essere stretti.



Dato che il metallo è elastico sino a un punto prestbilito (in funzione del materiale specifico), tu applicando una coppia di serraggio, fai ruotare il dado sinchè la coppia applicata risulterà in equilibrio con la pressione della faccia del dado sull'elemento da fissare.

Per reggere elasticamente alle sollecitazioni meccaniche, chiaramente la parte di filettatura devi allungarsi, in modo che con calore, vibrazioni e impulsi gli elementi da fissare non si trovino mai in una posizione allentata. Questo è il precarico.



Risulta quindi ovvio che per evitare che il metallo dei filetti maschi sfreghi con i filetti femmina generando dissipazione della coppia applicata in atrito e calore, è necessario apporre un film di lubrificante.
Non solo: anche le superfici di contatto dell'elemento da fissare e la faccia del dado in appoggio andranno ingrassate, per minimizzare l'atrito e permettere la giusta elongazione della filettatura.

La filettatura si comporta normalmente come una molla che viene precaricata.
Se non si lubrifica a dovere, il precarico risulterà molto più basso di quello prescritto. E' vero che sviterà facilmente per le manutenzioni, ma potrebbe anche svitarsi per effetto di vibrazioni, calore, impulsi.

Difficile trovare una spiegazione migliore per il discorso delle filettature lubrificate e non, è un calcolo fornito dalla enerpack.



Infatti salta all'occhio che una filettatura non ingrassata stretta a 75 Nm conserva un precarico di appena 1.25 Kn;
Invece una filettatura ingrassata con grasso specifico stretta a 75 Nm conserva un precarico di 4.5 Kn:

BEN 3 VOLTE LA DIFFERENZA DI PRESSIONE!!!

Questi sono grassi specifici per filettature a base di rame o di grafite o nichel.

Chesterton 725.

Immagine

Molycote p37 thread paste.

Immagine

Loctite Heavy duty anti seize.

Immagine

Loctite C5-A copper anti seize.

Immagine
Avatar utente
Flagello
Moderatore

Numero Socio: 197
 
Messaggi: 7771
Iscritto il: 07 dic 2010 11:45
Località: Domusnovas (CI) Sardegna
Fiat: Bravo
Modello: 1.2 123cv
Punti reputazione: 512
Super BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Precedente

Torna a Meccanica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron