Bravo Tuning Club su Facebook

infarinatura generale sull' Hificar -->

Forum per discussioni generiche sull' HI-FI car: Sub, Amplificatori, casse acustiche, etc

Moderatore: Staff

infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda m4rc8 » 24 lug 2007 21:38

Premetto di non essere un esperto della cosa.. ma qualcosina l'ho imparata e continuo tutt'ora ad apprendere..quindi chiedo cortesemente di rettificare se qualcosa dovesse non essere corretto :gren:

Per le nozioni basilari di elettrotecnica e acustica vi rimando al sequente link

Quando compriamo un altoparlante ci affidiamo solitamente al senso estetico e solo poche volte alle vere caratteristiche del trasduttore.Sulla carta dei parametri troviamo un mucchio di sigle seguite da numeri..queste scritte spesso senza grandi significati apparenti non sono altro che la carta d'identita del ap che tal produttore realizza,e dalle quali si posson ricavare numerose informazioni di come realmente si comportera' l'altoparlante una volta alimentato da una sorgente audio(in pratica si vanno a capire le caratteristiche elettromeccaniche di un ap)
I due tecnici che li hanno,per modo di dire,"inventati" hanno poi dato il nome che tutt'ora si utilizza per riconoscerli.

I PARAMETRI THIELE & SMALL
questi non sono tutti..ma i principali che interessano a noi

Fs: Frequenza di risonanza dell'ap in aria libera, espressa in Hz. A questa frequenza corrisponde il massimo dell'impedenza dell'ap(e' buona norma,per la salute delle bobine e delle sospensioni,restare al di sopra di questa frequenza almeno di un 20%)(i migliori sub da "inferi" riescon a spuntare Fs da 25 Hz,altri piu' umani si accontentano di "soli" 40 Hz :gren: )

Vas: "volume equivalente di cedevolezza" E' quel volume d'aria avente la stessa cedevolezza meccanica delle sospensioni in aria libera.Se consideriamo, infatti, che l'aria è elastica possiamo stabilire che altoparlanti con VAS elevato hanno delle sospensioni più cedevoli e altoparlanti con VAS basso hanno sospensioni meno cedevoli

D: Diametro effettivo del cono, espressa in metri, è ovviamente inferiore al diametro totale dell'ap

Xmax: Massima escursione lineare del cono dell'ap, espressa in metri.Maggiore è questo numero e maggiore è la pressione acustica ottenibile

Vd: Massimo volume d'aria che l'altoparlante è in grado di spostare, espresso in m^3 (è dato dal prodotto Sd*Xmax).

Re: Resistenza della bobina mobile dell'ap, misurata in corrente continua, espressa in Ohm.

Qms: Fattore di merito meccanico dell'ap alla frequenza di risonanza (Fs) dovuta alle perdite meccaniche dell'ap (adimensionale).

Qes: Fattore di merito elettrico dell'ap alla frequenza di risonanza (Fs) dovuta alle perdite elettriche dell'ap (adimensionale).

Qts: Fattore di merito totale dell'ap alla frequenza di risonanza (Fs) dovuta a tutte le perdite dell'ap (adimensionale).Qts rappresenta l'andamento della risposta, misurato in aria libera, di un altoparlante. Fattori superiori a 0.5 denotano un andamento della risposta poco smorzante mentre fattori inferiori indicano andamenti della risposta sovrasmorzanti. IL QTS è dato dalle caratteristiche meccaniche ed elettriche da cui, in definitiva, dipende il comportamento di un altoparlante.

Cms: Cedevolezza meccanica dell'ap, reciproco della rigidezza, espresso in m/N.

Mms: Massa meccanica mobile, comprensiva del peso dell'aria, dell'ap (kg).

Bl: Fattore di forza elettromeccanico, espresso in T/m oppure in m/N.Di solito, maggiore è il valore e maggiore è l'efficienza dell'altoparlante.

Quindi..dopo tutta sta pappardella..cerchiamo di non guardare solo al lato estetico di una cassa(lasciamoci pure suggerire dal proprio gusto per un cossiale se non vogliamo troppe pretese) ma se vogliamo far suonare bene l'auto diamo un occhiata pure ai T&S del cono che intendiamo acquistare,ora che li conosciamo :gren:

Scusate se vi ho privato di 2 decimi della vostra vista con questo post :oops:
Ultima modifica di m4rc8 il 27 lug 2007 00:28, modificato 2 volte in totale.
guarda mamma,ho fatto il Bravo :OO

Ora non piu' Bravo,ma molto cattivo... Attenti,ora pungo!!
Avatar utente
m4rc8
Super Bravista
Super Bravista

Numero Socio: 80
 
Messaggi: 6831
Iscritto il: 15 ago 2005 02:00
Località: Vescovato(Cr)
Fiat: Bravo
Modello: GpA 114kw
Punti reputazione: 108
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Messaggioda m4rc8 » 24 lug 2007 22:35

prendiamo ora in considerazione un elemento fondamentale dell'impianto di un tuner(o cmq di un appassionato di musica in auto).. il SUBWOOFER :gren:

Premetto subito che i parametri citati sopra son molto importanti sopratutto nella scelta dei trasduttori che riproducono le frequenze basse..direi che siamo a cavallo quindi :gren: ..proprio quello che ci serve per arricchire la gamma bassa ed ultrabassa dei nostri impianti

Esiston diverse tipologie di caricamento di Sub,ed ognuno ha una risposta differente dalle altre soluzioni.
(Per semplicita' riporto le 3 piu' diffuse,lasciando perdere le passabanda varie e i reflex dal 6°ordine in poi,lasciandoli a chi ricerca qualcosa di piu' esoterico)
Ricordo che per via delle caratteristiche elettromeccaniche di un subwoofer non tutte le casse vanno bene per far suonare il cono in ns possesso.. facendo riferimento ai suoi T&S e da quello scritto sopra vediamo di trovare la cassa migliore per farlo esprimere al meglio.



Cono in aria libera(in free air o in baffle infinito)

Immagine
Shot at 2007-07-24

Vantaggi:

-cassa non necessaria
-molto facile da installare (a pianale, a schienale) e quindi economico

Svantaggi:

-Bisogna curare attentamente la superficie su cui verrà installato, rendendo ermetiche la zona davanti e dietro l'ap per evitare interferenze dannose tra emissione anteriore e posteriore.
-Lo smorzamento del moto del cono è affidato solo alla sospensione del dell'ap, con evidente stress della medesima.
-Poco efficiente alle frequenze più basse rispetto ad altri tipi di cassa.
-Può costare assai di più di un sub specifico per uso in cassa, in quanto la sospensione deve essere di ottima qualità per resistere agli stress, specie se il sub lavorerà con grosse potenze applicate


Cassa chiusa(in sospensione pneumatica)

Immagine
Shot at 2007-07-24
Il box chiuso (o sigillato) è il box più semplice dei tre menzionati. E' semplicemente una scatola con un altoparlante. L'aria all'interno della scatola si comporta come una sospensione per l'ap. Le dimensioni della scatola influenzano la risposta in frequenza. Variando il volume influenzeremo l'escursione del cono, il tempo di delay (ritardo) e anche altri parametri.

Vantaggi:

-Facile da costruire (buona tolleranza agli errori di progettazione del volume).
-Migliore (basso) tempo-dilazione/risposta transienti, il che significa che è molto rapido, se viene disegnato correttamente.
-Attenuazione morbida (12 dB/ottava) all'estremità più bassa della banda.
-Possono sopportare molta potenza in tutta la gamma di frequenza riprodotta.

Svantaggi:

-Efficienza relativamente bassa.
-La risposta in frequenza può soffrire, in alcuni casi, nelle ottave più basse.
-Poca tenuta in potenza alle frequenze più alte della gamma bassa.
-Distorsione maggiore rispetto alla cassa Reflex alle frequenze più alte della gamma bassa
-grandi sollecitazioni imposte all'altoparlante che sarà meglio scegliere con QTS superiore o uguale a 0,5 ed escursione del cono superiore a 5 mm

cassa reflex

Immagine
Shot at 2007-07-24
La cassa reflex è un pò più complicata del box chiuso. Il volume della cassa deve essere ben calcolato e occorre impiegare un condotto che aiuta a riprodurre le frequenze più basse. Il condotto deve essere "accordato" per un corretto allineamento. Per far ciò occorre calcolare la lunghezza e l'area del condotto (es. diametro in un condotto cilindrico).
A seconda dalla frequenza a cui si vuole accordare il condotto, la lunghezza sarà rapportata da precise formule alla lunghezza del condotto.Solitamente per la costruzione di queste casse si utilizza un software di calcolo(Winisd e BassPc i piu' conosciuti ed usati)

Viene assimilato al reflex di 4°ordine pure la soluzione di un cono in chiusa con un radiatore passivo affiancato.In questo caso l'emissione posteriore non viene rifasata ma crea una nuova emissione frontale(dal radiatore)che va a sommarsi esattamente come nel reflex a quella pura generata dalla parte frontale del cono.

Vantaggi:

-3-4 dB più efficiente della cassa chiusa
-Risposta in frequenza estesa verso il basso.
-Maggiore efficienza
-Ottima tenuta in potenza al disopra della frequenza d'accordo del condotto.
-Distorsione minima alle frequenze più alte della gamma bassa.
-Buon raffreddamento della bobina mobile.
-Se ben realizzata, supera in estensione verso le bassissime frequenze la cassa chiusa

Svantaggi:

-Cassa ingombrante.
-Il sub non lavora al di sotto della frequenza d'accordo.
-Progetto complicato nel calcolo dei volumi esatti.
-Se male accordata è facile che suoni male.
-Più difficile da costruire.
-Tempo di risposta ai transienti peggiore rispetto un box chiuso (ma migliore del bandpass), in ogni caso accettabile se il box è disegnato correttamente
-scarso smorzamento e problemi di escursione, in presenza di progetti non riusciti. Il reflex è indicato per altoparlanti con QTS inferiore a 0.5


Anche se tanti produttori di Ap hanno in catalogo coni definiti subwoofer dal diametro di 13 e 16,5 cm ricordo che le frequenze basse hanno una lunghezza d'onda spesso superiore al metro lineare(in aria libera),quindi.. se la sete di bassoni vi prende..vi consiglio di guardare coni da 20 cm in su(anche se ormai il 20 vien spesso piu' usato in porta come mediobasso).
Ovviamente piu' si sale di diametro e piu' il cono e la sospensione dovranno esser robuste(per poter sopportare il loro stesso peso).. piu' peso piu' "forza" gli dovrete dare per muoversi..e cmq meno rapidi saranno i movimenti di un cono grande rispetto ad un cono minore..
Se un 20 puo' essere molto veloce ma con poca pressione..viceversa un 38 vi dara' pressione e discesa da vendere,pagando qualcosa in termini pratici di risposta ai transienti..la giusta via di mezzo la si trova in coni da 10 e 12 pollici(25/30/32 cm)
guarda mamma,ho fatto il Bravo :OO

Ora non piu' Bravo,ma molto cattivo... Attenti,ora pungo!!
Avatar utente
m4rc8
Super Bravista
Super Bravista

Numero Socio: 80
 
Messaggi: 6831
Iscritto il: 15 ago 2005 02:00
Località: Vescovato(Cr)
Fiat: Bravo
Modello: GpA 114kw
Punti reputazione: 108
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Messaggioda ryo_di_shinjuku » 19 ago 2007 03:01

Ciao, leggo ora il topic, ci sono piccole ma importanti errori. Premetto che sono un critico fino al buco del sedere per la musica e gli impianti me li sono semrpe fatti da solo da buon audiofilo dalla tenera eta' di 18 anni, ne ho 32, quindi mi permetto di parlare...
QUello che tu chiami Shot at 2007-07-24
Il box chiuso (o sigillato) nello specifico viene chiamato sospensione pneumatica, difetti della cassa sono, a parita di trasduttore la piu' grande cassa che deve essere costruita, mentre in Bass Reflex, la cassa puo' essere di molto piu' piccola, appunto per il fatto che puo' essere accordata, in bese a come piace sentire suonare il trasduttore si puo' costruire la cassa, gli incroci come dici tu sono risultato di formule matematiche. Piccole imprecisioni anche sulle sospensioni, ne esistono di vari tipi e materiali, in gomma, in polipropilene, in carta, in varie mescole di carta e in base a forme, dimensioni e molti altri parametri smorzano il cono (è l'unico scopo della sospensione oltre al fatto di unire il cestello al la membrana. In rtealta' il iscorso è molto piu' ampio di cosi'...troppi fattori influenzano come suonera' il sub: Il tipo di magnete, il materiale utilizzato e quindi il suo peso, il tipo di cestello, la sua rigidita' e leggerezza dovuto al materiale usato, le dimensioni della bobina mobile e la relativa forma della membrana, data anche dalla profondita' del cestello...
E' un discorso davvero troppo complicato. Ma di base, penso che (se me lo concedi) l'errore piu' grande di tutto è la premessa che fai, Il sub è l'ultimo elemento che costituisce un impianto, dovrebbe essere disto come la ciliegina sulla torta. Basta sentire tutte queste macchine che fannosolo unz unz con musica tecno o peggio huose...
Che senso ha se poi non sento chiaramente le parole di una canzone? se l'impianto non è equilibrato? Se non sento alti cristallini e voce chiara? Se ho buchi di frequenza dovuti a cattiva realizzazione dell'impianto?
Davvero, questo topic potrebbe essere piu' vasto dell'intero forum Bravo tuning ... Ma se vuoi, insieme (se posso fornirti supporto nbella cosa) si potrebbe fare un piccolo spazio anche a questo argomento...
Avatar utente
ryo_di_shinjuku
Moderatore

Numero Socio: 109
 
Messaggi: 10975
Iscritto il: 27 nov 2006 09:48
Località: Busto Arsizio, Varese
Fiat: Bravo
Modello: 105 Jtd Gt
Punti reputazione: 146
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Messaggioda m4rc8 » 19 ago 2007 14:22

non dico che il sub e' l'elemento fondamentale di un impianto in genere..ma appunto dell'impianto di un tuner o di un appassionato di musica :roll: ..
Lasciando stare il discorso tuner(spesso appunto installano solo dei gran sub per sentire(e far sentire) il tunz tunz) ma un vero audiofilo non si fa mancare mai sulla sua auto la gamma bassa data da un sub(il sub non e' solo tunz tunz,sentissi l'auto di un mio amico dove il sub ti arriva diritto nel basso ventre come un medio basso..)..sfido chiunque a fare a meno di un sub(quale mediobasso o basso -ovviamente sotto i 20 cm-riesci a far scendere a 60 Hz :roll: ??)

Per il discorso delle sospensioni(ora,dico cosi' non perche' son esperto-anzi,si impara ogni giorno-e voglio avere l'ultima parola..) questo topic l'ho appunto intitolato infarinatura..volendo spiegare il materiale di ogni varia sospensione ci si addentrerebbe troppo nell'argomento(credimi,alcuni installatori navigati,dopo 20 anni di attivita',son tutt'ora sui libri e banchi di scuola per restare aggiornati)..potrei parlare di celle di ritardo,di reti d'attenuazioni,di membrane aperiodiche e di preamplificatori a valvole(ma chi li capirebbe,se pure io non saprei spiegarle senza andare in confusione :roll: )

Ultimo appunto..tu dici delle casse chiuse come le piu' ingombranti...ma guarda caso son le uniche (a parita' appunto di trasduttore)di contenere i volumi di lavoro in 15-20 lt..non a caso le casse(se mai t'e' capitato di vederne una) da Spl son enormi bare che occupano interi bagagliai(e son tutte reflex,per sfruttare la maggiore discesa in frequenza dell'intero sistema ap+cassa di risonanza)

Con questa piccola "guida" non volevo che aiutare leggermente nella costruzione home made del proprio impianto..logicamente non si arrivera' mai ad un impianto esoterico(per questo ci sono gli installatori :P )..ma per lo meno di indirizzare sulla scelta dei componenti(tantissimi inesperti comprano l'ap solo in base al senso estetico e ai dati dichiarati,senza guardare se effettivamente il prodotto funzionera' come si vorrebbe..)

Il mondo dell'hificar e' troppo ampio per spiegarlo in un topic,ci son forum esclusivamente votati agli impianti in auto e che cmq non toccano tantissimi aspetti non meno importanti :roll:
guarda mamma,ho fatto il Bravo :OO

Ora non piu' Bravo,ma molto cattivo... Attenti,ora pungo!!
Avatar utente
m4rc8
Super Bravista
Super Bravista

Numero Socio: 80
 
Messaggi: 6831
Iscritto il: 15 ago 2005 02:00
Località: Vescovato(Cr)
Fiat: Bravo
Modello: GpA 114kw
Punti reputazione: 108
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Messaggioda ryo_di_shinjuku » 20 ago 2007 01:02

Errore... Non voglio infierire, ma pecchi un pochino di ingenuita'. Premettendo che preamplificatori valvolari in macchina, seppur qualche pazzo li potrebbe anche usare siano una gran c.., le altre cose di cui parli sono cose di cui un utente finale poco puo' interessare, visto che sono formule con cui vengono progettati e costruiti amplificatori e/o trasduttori e che quindi, a meno che uno se li voglia fare da solo, poco importa a chi li va a comprare, il piu' è come suonano.
Idem per il discorso bass reflex o sospensione pneumatica, se vedi nelle gare spl enormi casse in bass reflex è solo eprche' i trasduttori scelti necessitano di quel volume in quella configurazione, oppure la stessa è stata studiata per ottenere una determinata curva armonica (simile alla curva di coppia o potenza). Con lo stesso trasduttore una soluzione in sospensiona pneumatica non ci starebbe nel bagagliaio, fidati, il vantaggio del bass reflex oltre gli altri, è il minore litraggio necessario (sono disposto a cercarti valori dichiarati da marche di costruttori .Macrom o Herz, non ricordo- che dichiarano i litri necessari nelle diverse configurazioni)e ribadisco il concetto: il sub è Solo unz unz se ascolti tecno-house e basso (strumento musicale) se ascolti altra musica. Altro errore, tu dici (e incollo): il sub non e' solo tunz tunz,sentissi l'auto di un mio amico dove il sub ti arriva diritto nel basso ventre come un medio basso.. fine citazione... Forse non hai ben presente come suona un sub e come un madio basso... Hanno frequenza totalmente diverse, non centra nulla un medio basso e un sub e anche l'effetto della vibrazione nello stomaco (e nell'aria) è totalmente diversa.. L'onda sonora di un sub è molto lunga e alta (graficamente parlando) un medio basso è decisamente diversa...
Non so se hai mai sentitlo un Macrom 5921 o 5922 (woofer da 21 cm) o un Dynaudio o un Morel (che poi è la stessa roba) pilotato da un amplificatore in alta corrente, magari un casse A o AB Da almento 100 watt Rms per canale... Ti assicuro che non senti la mancanza di un sub se la portiera (come da installazione audiophile) è ben insonorizzata. Parlo sempre per esperienza personale e mai per sentito dire, ci tengo a ricordarlo....
Poi se qualcuno ha bisogno di guide o consigli per l'insstallazione o scelta di materiale, beh.. ogni tanto si passa e si cerca di aiutare, quindi gente...
Avatar utente
ryo_di_shinjuku
Moderatore

Numero Socio: 109
 
Messaggi: 10975
Iscritto il: 27 nov 2006 09:48
Località: Busto Arsizio, Varese
Fiat: Bravo
Modello: 105 Jtd Gt
Punti reputazione: 146
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Messaggioda m4rc8 » 21 ago 2007 20:24

Immagine

HXS300D .. in chiusa e in reflex

(per ingrandire clic sull'immagine :gren: )
guarda mamma,ho fatto il Bravo :OO

Ora non piu' Bravo,ma molto cattivo... Attenti,ora pungo!!
Avatar utente
m4rc8
Super Bravista
Super Bravista

Numero Socio: 80
 
Messaggi: 6831
Iscritto il: 15 ago 2005 02:00
Località: Vescovato(Cr)
Fiat: Bravo
Modello: GpA 114kw
Punti reputazione: 108
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda clatro » 22 ott 2007 22:14

Bè ...io sono un musicista ...(ormai a tempo ridotto ).Però insegno batteria tutt'ora.
Certe problematiche neanche me le sono mai poste... :roll:
So sentire se un impianto suona bene , ma non so con precisione cosa c'è dentro che lo fa suonare così.
+ che per amanti della musica o musicisti questo è un lavoro da tecnici del suono...

...infatti quando si fanno i concerti la differenza la fanno proprio questi ragazzi che lavorano apparentemente nell'ombra ma che determinano la riuscita del concerto stesso. :roll:
Immagine
Avatar utente
clatro
Super Bravista
Super Bravista
 
Messaggi: 5303
Iscritto il: 02 ago 2006 02:00
Località: Roma
Fiat: Bravo
Modello: 105Jtd
Punti reputazione: 0
Tuner

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda m4rc8 » 22 ott 2007 22:27

clatro ha scritto:Bè ...io sono un musicista ...(ormai a tempo ridotto ).Però insegno batteria tutt'ora.
Certe problematiche neanche me le sono mai poste... :roll:
So sentire se un impianto suona bene , ma non so con precisione cosa c'è dentro che lo fa suonare così.
+ che per amanti della musica o musicisti questo è un lavoro da tecnici del suono...

...infatti quando si fanno i concerti la differenza la fanno proprio questi ragazzi che lavorano apparentemente nell'ombra ma che determinano la riuscita del concerto stesso. :roll:


beh..ovvio che queste righe sopra non servon per rendere tutti installatori(e poi free speed se diventiamo tutti bravi che fa.. chiude baracca :gren: ??) o grandi impiantisti,ma solo per avere un idea per chi come me vuole "mettere da solo" le mani nel suo impianto.. logicamente il mio misero impianto non suonera' mai come uno realizzato da un esperto(leggasi sempre free speed)..
Poi le differenze minime tra frequenze e caricamenti non e' semplice scorgerle(ma se hai gia' l'orecchio allenato e ti ci applichi un poco vedrai come tutto si semplifica)..certo e' che piu' si sale in qualita',potenze e sistemi audio bisogna avere pure un ottima conoscenza di tutta la teoria che ci sta dietro( che navigati installatori ancora studiano)


Ero sempre stato convinto che i bassi veloci fossero quasi esclusiva delle casse chiuse.. eppure poco tempo fa ho avuto il piacere(o stupore) di sentire un Focal caricato in reflex che come velocita' e smorzamento nulla invidiava una chiusa :stordita:
guarda mamma,ho fatto il Bravo :OO

Ora non piu' Bravo,ma molto cattivo... Attenti,ora pungo!!
Avatar utente
m4rc8
Super Bravista
Super Bravista

Numero Socio: 80
 
Messaggi: 6831
Iscritto il: 15 ago 2005 02:00
Località: Vescovato(Cr)
Fiat: Bravo
Modello: GpA 114kw
Punti reputazione: 108
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda clatro » 23 ott 2007 11:43

m4rc8 ha scritto:

Ero sempre stato convinto che i bassi veloci fossero quasi esclusiva delle casse chiuse.. eppure poco tempo fa ho avuto il piacere(o stupore) di sentire un Focal caricato in reflex che come velocita' e smorzamento nulla invidiava una chiusa :stordita:


Quello che io so delle frequenze basse è che hanno una curva particolare , sono suoni non direzionali e si propagano meglio su superfici specifiche ( vedi casse in legno di forma specifica e di dimensioni molto ampie ).
Infatti le casse per basso e tastiere hanno sempre un ingombro notevole... :roll:

Cmq se si avvicina al suono in cassa chiusa quello che tu menzioni bisogna dire che la resa sonora di questa attrezzatura è diventata notevole...
Immagine
Avatar utente
clatro
Super Bravista
Super Bravista
 
Messaggi: 5303
Iscritto il: 02 ago 2006 02:00
Località: Roma
Fiat: Bravo
Modello: 105Jtd
Punti reputazione: 0
Tuner

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda m4rc8 » 23 ott 2007 19:06

clatro ha scritto:
m4rc8 ha scritto:

Ero sempre stato convinto che i bassi veloci fossero quasi esclusiva delle casse chiuse.. eppure poco tempo fa ho avuto il piacere(o stupore) di sentire un Focal caricato in reflex che come velocita' e smorzamento nulla invidiava una chiusa :stordita:


Quello che io so delle frequenze basse è che hanno una curva particolare , sono suoni non direzionali e si propagano meglio su superfici specifiche ( vedi casse in legno di forma specifica e di dimensioni molto ampie ).
Infatti le casse per basso e tastiere hanno sempre un ingombro notevole... :roll:

Cmq se si avvicina al suono in cassa chiusa quello che tu menzioni bisogna dire che la resa sonora di questa attrezzatura è diventata notevole...


come non darti ragione..ho avuto modo di ascoltare un impianto home ma creato con componenti hificar(era il negozio di un installatore..ovvio che usi prodotti che vende :gren: ) in cui un 30 era caricato a tromba(tipica costruzione usata in campo professionale che sicuramente ti e' capitato di usare) che copriva una tale estesione di bassi da far quasi impressione..senza dare una ben che' minima idea della provenienza del suono
Ovviamente le casse professionali che usi tu son un pochino difficilotte da infilare in auto(senno' dovremmo scendere noi :gren: ) quindi ecco il perche' del compromesso dimensioni-resa..le tue son studiate appositamente per l'elevata resa sonora,tralasciando l'aspetto estetico(non son altro che cassoni enormi di legno nero) e le dimensioni(ci son bilici interi che trasportano le attrezzature sonore ... :gren: )

verissimo quel che dici sull'onda bassa,ma che cmq e' molto simile al comportamento di un onda di frequenza medio-alta o alta(cambian le frequenze e quindi i "passi" tra due punti) e in auto,tra fruscii,problemi legati all'uso effettivo dell'ambiente(non son fatte per organizzare concerti o audizioni,ma per spostarci su grandi distanze) e distanze variabili dell'ascoltatore non e' per nulla semplice avere un ottimo ascolto( un elogio velato per i professionisti di questa difficile materia quindi :metallica: )
guarda mamma,ho fatto il Bravo :OO

Ora non piu' Bravo,ma molto cattivo... Attenti,ora pungo!!
Avatar utente
m4rc8
Super Bravista
Super Bravista

Numero Socio: 80
 
Messaggi: 6831
Iscritto il: 15 ago 2005 02:00
Località: Vescovato(Cr)
Fiat: Bravo
Modello: GpA 114kw
Punti reputazione: 108
Super BravistaSuper BravistaSuper Bravista

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda nixx » 23 ott 2007 21:00

m4rc8 ha scritto:che copriva una tale estesione di bassi da far quasi impressione..senza dare una ben che' minima idea della provenienza del suono

allora specifichiamo una cosa..
di norma si montano i tweeter-medi-woofer all'anteriore per ricreare la scena sonora più precisa possibile (ricordo che siamo in auto, posto + sbagliato per ascoltare musica..) mentre per il subwoofer si monta nel baule non per motivi di spazio (ricordo alcuni esperimenti fine anni '80 di sub compatti da montare sotto al sedile :roll: ) ma perchè l'orecchio umano sotto a circa 80Hz non riesce a riconoscere da dove arrivi il suono. :)
Avatar utente
nixx
Bravista Esperto
Bravista Esperto
 
Messaggi: 2942
Iscritto il: 22 gen 2006 02:00
Località: BG
Fiat: Nuova Bravo
Modello: GP
Punti reputazione: 0
Tuner

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda clatro » 24 ott 2007 10:42

nixx ha scritto:
m4rc8 ha scritto:che copriva una tale estesione di bassi da far quasi impressione..senza dare una ben che' minima idea della provenienza del suono

allora specifichiamo una cosa..
di norma si montano i tweeter-medi-woofer all'anteriore per ricreare la scena sonora più precisa possibile (ricordo che siamo in auto, posto + sbagliato per ascoltare musica..) mentre per il subwoofer si monta nel baule non per motivi di spazio (ricordo alcuni esperimenti fine anni '80 di sub compatti da montare sotto al sedile :roll: ) ma perchè l'orecchio umano sotto a circa 80Hz non riesce a riconoscere da dove arrivi il suono. :)

concordo...infatti il subwoofer si potrebbe montare pure dentro il cofano motore... :roll:
I suoni ci arriveranno ugualmente...e distinti... :roll:
:gren: :gren:
Immagine
Avatar utente
clatro
Super Bravista
Super Bravista
 
Messaggi: 5303
Iscritto il: 02 ago 2006 02:00
Località: Roma
Fiat: Bravo
Modello: 105Jtd
Punti reputazione: 0
Tuner

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda nixx » 25 ott 2007 21:05

non è una mia teoria :to:
Avatar utente
nixx
Bravista Esperto
Bravista Esperto
 
Messaggi: 2942
Iscritto il: 22 gen 2006 02:00
Località: BG
Fiat: Nuova Bravo
Modello: GP
Punti reputazione: 0
Tuner

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda free speed » 25 ott 2007 21:42

Oltre ad essere una teoria è anche un dato di fatto........ :appla: :appla:
....in quei 10 secondi sono libero
....nello studio delle cause e nella succesione dei fenomeni
Immagine
Avatar utente
free speed
Bravo Bravista
Bravo Bravista
 
Messaggi: 556
Iscritto il: 25 giu 2007 23:48
Località: Modena
Fiat: Bravo
Modello: JTD+i 16!
Punti reputazione: 0
Tuner

Re: infarinatura generale sull' Hificar

Messaggioda clatro » 25 ott 2007 22:34

nixx ha scritto:non è una mia teoria :to:



...e chi ha detto che è una tua teoria?... :tongue:

...E' proprio così..
da piccolino facevo esperimenti con i sub nel lavandino di casa... :gren:

prova a mettere un sub rivolto verso il lavandino ...magnete in alto verso di te e sub in basso a 10 cm dal lavandino...
guarda che effetto fa... :roll:
i bassi li senti a 100 Km. :gren: :gren: :gren:
Immagine
Avatar utente
clatro
Super Bravista
Super Bravista
 
Messaggi: 5303
Iscritto il: 02 ago 2006 02:00
Località: Roma
Fiat: Bravo
Modello: 105Jtd
Punti reputazione: 0
Tuner

Prossimo

Torna a HI-FI Car

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite